Forum Young Romagna, giovani e imprenditori a confronto sugli scenari economici che cambiano

Si terrà mercoledì 27 novembre nello spazio congressi di Cesena Fiera il primo focus in Romagna sull’economia del territorio.

Il detto forse infelice ma in parte vero “non è un paese per giovani” anche titolo di un film deve essere venuto in mente nell’ideazione del primo evento in Romagna dedicato ai Millennials (i giovani nella fascia 25-35 anni) sugli scenari economici in forte mutamento.

Un forte mutamento che richiede un cambiamento di mentalità e di approccio al mondo economico e anche del lavoro, con professioni che solo dieci anni fa erano impensabili e uno sviluppo tecnologico inarrestabile che deve fare i conti con eco sostenibilità e giusto equilibrio vita-professione.
Un mondo economico dove i talenti fanno fatica a trovare opportunità e si spostano altrove sottraendo capacità e idee nuove che, oltre ad un auspicato ricambio generazionale, signifcano innovazione e progresso, essenziali per garantire prosperità alle aziende come alle persone. Nella presentazione, Renzo Piraccini ha sottolineato l’importanza di confrontarsi e riflettere su questi temi in un periodo di poche certezze e molti dubbi, indubbiamente soddisfatto che Cesena Fiera sia stato individuato quale contenitore simbolico per questo tipo di manifestazioni.

“È un format – spiega Katia Bazzocchi di Pleiadi International, tra i promotori del progetto – dinamico e interattivo, volutamente diverso dalle conferenze di settore, perché esplorando e confrontando le dirompenti potenzialità derivate da web, social media e start-up con realtà imprenditoriali e accademiche si rivolge ai giovani usando un linguaggio e una prospettiva in sintonia con loro”. Le fa eco Renato Geremicca della società bolognese di comunicazione co-promotrice Gerebros, facendo notare: “C’è una forte esigenza verso la comunicazione relazionale, di contatto diretto e la formula che abbiamo ideato prevede di cominciare con momenti ispirazionali, di talk show aperto agli interventi del pubblico per poi distribuirsi in quattro tavoli di lavoro, che replicano i temi del forum: studiare, fare, condividere e innovare”. Quattro mini-palcoscenici a cui si potrà partecipare spostandosi liberamente, alimentando e stimolando argomenti di scambio senza barriere o restrizioni.

L’obiettivo è creare un’occasione autentica di confronto per comprendere e coltivare i talenti delle nuove generazioni, ascoltandoli e creando modelli di business più consoni alle loro esigenze, anche etiche e morali, e stili di vita. “Non posso che concordare – conclude il sindaco Enzo Lattuca – sull’importanza di eventi dedicati a chi, giunto alla fase adulta e consapevole nella costruzione del proprio futuro, ha bisogno di risposte ma anche di prospettive nella scelta della professione. Dal canto nostro, ci impegneremo a offrire le condizioni per un territorio ricettivo che consenta una gestione di tempi e luoghi di lavoro in linea con aspirazioni e aspettative. Quindi ben venga ogni stimolo, spunto o proposta per migliorare la valorizzazione di talenti giovani”.

Un panel di oltre trenta speaker, tra cui spiccano il rettore Francesco Ubertini, Marianna Palella di Citrus, Gabriele Testa di Alce Nero e Fabio Zaffagnini di Rockin’1000, per avvicinare mercoledì 27 novembre dalle 9 alle 13,30 un target volutamente misto, con biglietto d’ingresso a seconda dell’età anagrafica e gruppi scolastici.

Per maggiori informazioni, modalità d’iscrizione o acquistare il biglietto, clicca qui.

Fonte: Cinzia M Butt – CORRIERE CESENATE